Chi siamo

Tooitaly è un marchio nato dall’idea delle designer Alessia Stendardo e Giovanna Gentili. Giovani, dinamiche e al passo con i tempi, l’incontro tra Alessia e Giovanna avviene tra i banchi dell’Accademia delle Arti e Nuove Tecnologie di Roma, dove scoprono l’interesse per il redimade e l’upcycling, grazie anche ad importanti collaborazioni con nomi noti del settore: il designer Giovanni D’Ambrosio e gli architetti Tiziana Cioccarelli, Stefano Castelli, Antonio Albeldas e Vincenzo Pultrone, solo per citarne alcuni. Stanche dell’omologazione e della monotonia delle proposte del fashion design, decidono, nel 2011, di aprire un laboratorio nel cuore della Capitale, in via Frangipane, a due passi dal Colosseo, dove borse e accessori in linoleum bullonato fanno da padroni. L’ispirazione? La voglia di creare qualcosa di diverso, di unico, con materiali vintage, di recupero e stoffe di fine serie che permettono di rendere ogni prodotto ancor più speciale. Tutti pezzi unici, impossibile trovarne due uguali.

alessia-stendardo ALESSIA STENDARDO (Colleferro -Rm-, 20/05/1986)

Fin da bambina sviluppa il suo interesse per la moda. Alla tenera età di tre anni, accanto a sua zia Emanuela, scenografa di professione, e alla nonna Luciana, esperta sarta, interpreta e disegna il mondo dei colori. Frequenta il Liceo Artistico Statale di Anagni (Fr), conseguendo il diploma di maturità a pieni voti. Nel 2004 s’iscrive all’Accademia delle Arti e Nuove Tecnologie di Roma, dove incontra Giovanna Gentili, con la quale comincia un solido e duraturo percorso lavorativo.

giovanna-gentili GIOVANNA GENTILI (Orvieto -Tr-, 08/08/1979)

Figlia d’arte, cresciuta in una famiglia di artisti e artigiani, consegue, nonostante le origini di mestiere, il diploma di maturità scientifica presso il Liceo Scientifico Statale «Ettore Majorana» di Orvieto (Tr). Nel 2001, però, riscoperta una vera passione per l’arte, si laurea in Conservazione e Restauro dei Beni storico-artistici all’Università degli Studi della Tuscia di Viterbo. Intraprende, poi nel 2004, un nuovo percorso all’Accademia delle Arti e Nuove Tecnologie di Roma, dove, insieme con Alessia Stendardo, matura l’interesse per l’interior design e il redimade.

Annunci